News

Il Vitalba frena l'Oppido

POTENZA- Oramai ci siamo quasi abituati e forse non ci dispiace neanche, perché il gusto principale di questo campionato è l’equilibrio. Un equilibrio che alla fine coinvolge un po’ tutti e tutte, perché la classifica, seppur leggermente delineata, è ancora abbastanza corta visto che sette squadre sono racchiuse nel giro di soli tre punti. La domenica è quindi stata favorevole ai colori dell’Az Picerno, che dopo la vittoria conquistata a Lavello, si è ritrovata in vetta alla classifica. Vetta che deve però condividere con l’Angelo Cristofaro che non è riuscito a battere a domicilio il Vitalba, squadra che alla fine ha fatto un piccolo regalo a quella di mister De Pascale. Grazie alla vittoria conquistata nel derby con il Viggiano, il Villa D’Agri resta nella scia delle due battistrada, mentre restano in scia sia il Pomarico che il Real Metapontino, entrambe vittoriose di misura sulle avversarie di turno. Pienamente riabilitato il Moliterno, che ha espugnato Tursi ed ha agganciato in classifica il Pisticcimarconia, che a sua volta, ancora una volta, ha evitato la sconfitta nei minuti finali. Con un successo roboante, il Real Tolve è tornato alla vittoria battendo con un vistoso punteggio la Soccer Lagonegro. Resta ancora al palo la Murese, sconfitta a Pomarico, ma viste le sconfitte patite dalle altre “antagoniste”, nulla è perduto, certo è che le aspettative erano ben altre, bisogna far quadrare il cerchio il prima possibile. Non se la passa bene nemmeno il Lavello, che al Pisicchio (Az Picerno) ha incassato la terza sconfitta consecutiva. Partendo proprio dalla gara in terra dauna, andiamo nel dettaglio della giornata. Strada in salita subito per il Lavello, che dopo appena tre minuti si trova sotto di una rete e con due uomini in meno. Giocare così con il Picerno, che è la squadra più accreditata per la vittoria finale, non è assolutamente facile. Difatti gli ospiti, dopo il rigore realizzato da Scavone, hanno messo in cassaforte i tre punti con il giovane Russillo. Casale e nuovamente Scavone poi archiviano definitivamente la pratica. Il Lavello chiude la gara in otto e la rete di Laus servirà solo per alimentare le statistiche. I dauni contestano la conduzione arbitrale, il Picerno invece per la prima volta in questa stagione è in vetta alla classifica. Vetta che, come detto, condivide con l’Angelo Cristofaro, che non è riuscito a battere il Vitalba, che si è mostrata squadra tosta e duttile. L’inizio della gara è stato a dir poco scoppiettante, l’ex pietragallese D’Amico spezza il digiuno portando in vantaggio il Vitalba, pochi minuti e Possidente ristabilisce la parità. A metà tempo Giganti porta i locali in vantaggio. I bianco verdi non riescono a chiudere i conti e rischiano pure qualcosa, difatti nella parte finale della gara il Vitalba pareggia con Mancuso. Le due compagini provano a superarsi nei restanti minuti, ma finisce, forse anche giustamente, in parità. In casa Cristofaro ci sono tutte le attenuanti del caso, perché mister Manniello ha dovuto schierare qualche elemento non al top della condizione fisica.  Dopo la sconfitta subita a Picerno si è riscattato alla grande il Villa D’Agri di mister Arleo. Per piegare però la resistenza dei “cugini” di Viggiano c’è voluto poco più di un’ora, difatti il gol che ha spezzato l’equilibrio è arrivato nella parte finale della gara. A sbloccare il risultato il “solito” Salvia. Per il fantasista valligiano un inizio di stagione così esaltante non lo aveva mai avuto. Subito il gol il Viggiano si è un po’ spento e Branda ha chiuso definitivamente i conti poco prima del triplice fischio finale regalando ai tifosi di Villa D’Agri una gioia indescrivibile, perché vincere un derby è sempre una bella cosa. Chiorazzo e Montano regalano due gioie a Real Metapontino e Pomarico, che grazie a questi successi scavalcano in classifica il Pisticcimarconia. Il Latronico è così costretto a rimandare l’appuntamento per la prima vittoria ad altra data, così come la Murese, che non ha ancora mosso la classifica. Resta ancora una volta l’amaro in bocca alla Vultur di mister D’Urso, perché la “Zona Cesarini” fino ad oggi gli è costata parecchio. Difatti già a Tursi (seconda giornata) la vittoria era sfumata nei minuti di recupero, è accaduto anche domenica a Pisticci, che invece nei minuti finali ha costruito i suoi successi.  Il gol che ha evitato la sconfitta degli jonici porta ancora una volta la firma di Anelli, a segno per la quarta volta in questa stagione. Meritata è stata invece la vittoria conquistata dal Moliterno a Tursi, che è tornato in partita solo nei minuti di recupero. La squadra di mister Masullo si è messa in corsa dopo un avvio non proprio brillante, mentre per quella tursitana c’è ancora tutto il tempo per migliorarsi e puntare con decisione alla salvezza. Salvezza che potrebbe non essere alla portata del Lagonegro, che a Tolve ha subito un’altra pesante sconfitta. Lo erano sei, figuriamoci sette, in casa Soccer bisogna correre subito ai ripari. Di contro invece per il tolvesi è una vittoria che serve a rilanciare le proprie ambizioni.  Dal punto di vista numerica la giornata è stata molto interessante, con i 26 gol messi a segno è stato stabilito anche il record stagionale, mentre il bottino sale a quota 82. Con la doppietta rifilata al Lagonegro, Vassalli, sempre a segno in queste quattro gare, sale in cima alla classifica dei cannonieri con 5 reti all’attivo. Alle sue spalle c’è Anelli, che di gol ne ha fatti 4. Terza rete consecutiva per Digno, mentre ha rotto il digiuno, come già detto prima, D’Amico.

Scritta da Acro

La firma del calcio dilettantistico lucano on-line dal 24 ottobre del 2004


News Precedente
News Successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi con * sono obbligatori