Promozione, il commento

Il Latronico passa a Lavello

Share this post

POTENZA- Tre giornate sono poche per avere un quadro chiaro della situazione, ma a grandi linee la nuova classifica ha evidenziato che la stessa è spaccata in due tronconi con una serie di squadre che lotteranno per la zona play off e le restanti che cercheranno di evitare quella play out. Stando ai risultati maturati sui campi della cadetteria lucana nell’ultimo turno, la squadra da battere è il Latronico, che passando sul difficile campo del Lavello, è rimasta da sola in vetta alla classifica a punteggio pieno. La classifica non può essere veritiera per tanti ovvi motivi, ma ci sono buone ragioni per credere che i termali possono aspirare al salto diretto nel massimo torneo regionale, e che squadre come Sp. Lauria, Brienza, Sp. Matera, Miglionico, lo stesso Lavello, Tursi, Ruoti e Sp. Palazzo saranno valide out sider, come d’altronde anche il Rotonda, che ha finalmente trovato la prima vittoria stagionale. Le altre, ma eccezion fatta per il Ferrandina (che resta una mina vagante), dovranno combattere per la sopravvivenza ed in tal senso un deciso passo in avanti lo hanno fatto il Satriano di mister Vuolo, che ha conquistato la prima vittoria della stagione battendo una diretta concorrente, e l Bella, passato sul campo del Foggiano. A Salandra e S. Angelo, squadre ancora ferme al palo, bisogna correre ai ripari il prima possibile, perché c’è il concreto rischio che vengano sopraffatte. Tre giornate non sono significative, lo abbiamo detto, ma se il Latronico ha messo in cassaforte il primo big match della stagione qualcosa pur significherà. I ragazzi di mister Matinata, sornioni nella prima frazione di gioco, sono usciti nella ripresa riuscendo, grazie all’esperto Gioia, a trovare la rete della vittoria. I dauni non hanno affatto demeritato, ma queste sono gare che bisogna affrontare anche con un minimo di accortezza, perché l’esperienza spesso fa la differenza. A Matera non sono mancate le emozioni, ma anche i gol, e la squadra di mister Danza, dopo una falsa partenza, ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per vivere un’altra stagione da protagonista. Di fronte, non lo dimentichiamo, c’era il Tursi, che esce sconfitto, ma non ridimensionato. Dopo un botta e risposta, il gol che ha sancito la vittoria è stato messo a segno da Fiorino, un attaccante che potrebbe fare la differenza anche in campionati superiori. Dopo la “scoppola” rimediata a Brienza, grazie al 2 a 0 rifilato al Miglionico, si è riabilitato lo Sporting Lauria che si candida nuovamente per vivere un torneo da protagonista. Due sussulti in una sfida difficile che valgono però tre punti molti importanti. Cade sul campo del Ruoti il Brienza di mister Gerardi, nonostante una prova confortante. Arriva così la prima gioia per la compagine di Silipo, che ha però rischiato nel finale di gara, quando gli ospiti hanno sprecato delle occasioni per evitare la sconfitta. Finisce a reti bianche la sfida tra il Ferrandina e lo Sporting Palazzo, che presentava per la prima volta in panchina mister Bardi. La squadra aragonese resa così imbattuta insieme alla capolista. Prima vittoria stagionale per il Rotonda, che ha anche ritrovato il suo bomber. Difatti le tre reti portano la firma di Cantisani. Per gli aviglianesi un altro stop che comincia a destare qualche preoccupazione. In chiave salvezza, con lo stesso punteggio, è arrivata la prima vittoria per il Satriano, che con le reti di Ostuni e Fringuello (doppietta) ha avuto ragione di un Salandra che, nel tentativo di recuperare il risultato, si è esposto troppo e ne ha pagato le conseguenze. Sconfitta dal sapore amaro per il Foggiano, che è passato dal possibile 2 a 2, ma Riondino ha fallito il rigore, alla sconfitta, al definitivo 1 a 3, con il Bella che gioisce così per la prima vittoria stagionale. La prima tripletta stagionale, ma era già andato a segno nel primo turno, vale per Cantisani il primato nella speciale classifica dei cannonieri, ma l’attaccante rotondese deve condividere il podio con il lauriota Melchiona. Salbini (Brienza) è l’unico giocatore andato a segno in tutte e tre le giornate. Con le 23 reti messe a segno, in perfetta media stagionale, il bottino sale a quota 71.