Promozione, il commento

19a giornata: Il Ferrandina riaggancia la vetta

Share this post

Dopo una sola settimana, in vetta alla classifica del campionato di Promozione lucana si ricompone la coppia Rotunda Maris-Ferrandina, e fino alla fine del torneo saranno verosimilmente loro a giocarsi l’accesso diretto all’Eccellenza. Una però dovrà poi “accontentarsi” di passare dalla lotteria dei play. Difficile dirlo oggi, quando alla fine del torneo mancano ancora sette giornate e con diverse gare di cartello da disputare.
Al Rotunda Maris, impegnata nella gara di cartello della sesta di ritorno contro la Santarcangiolese, sembra, cronache alla mano, stargli stretto il pareggio. Pareggio che è maturato nella prima frazione di gioco con gli ospiti in vantaggio con la terza rete consecutiva nelle ultime due gare di L. Frabetti e parità ristabilita nel giro di poco con un rigore realizzato da Tomaselli, sempre a segno nelle ultime otto gare.
Il pareggio è stato accolto con grande piacere dal Ferrandina, che solo dopo una buona ora è riuscita a piegare la resistenza del Bella. Dopo il gol di Kebbeh, gli aragonesi hanno arrotondato con Musillo e Dametti nei minuti finali. Per il Bella è una sconfitta, la quarta di fila, abbastanza pesante anche perché il Ruoti ha dato segnali di risveglio conquistando il secondo pareggio consecutivo. Le distanze restano ancora rassicuranti, ma per evitare di farsi risucchiare all’ultimo posto bisognerà cominciare a dare un po’ di ossigeno alla classifica.
Tornando alla coppia di testa, il calendario sembra essere favorevole agli aragonesi che oltre a dover giocare una gara in più in casa rispetto agli jonici, potranno anche contare di giocare contro il Rotunda Maris al “Santa Maria”. Il big match andrà in scena tra poco meno di un mese, l’undici marzo per l’esattezza, ma fino a quel giorno nessuna delle due può sbagliare.
Al terzo posto resta la Santarcangiolese, che viaggia con un ritardo di quattro punti dalla vetta, e alle sue spalle c’è sempre il Candida Melfi, che da Calvello, campo dell’Anzi, è tornata a casa con un punto, che alla fine è anche importante visto che gli anzesi, seppur settimi, possono ancora “aspirare” alla zona play off. Risultato ad occhiali anche per il Pomarico, il primo della stagione, che non è riuscito a violare il campo del fanalino di coda Ruoti.
Il colpaccio della giornata è “griffato” Fortuna Potentia, la squadra di mister Pirozzi ha conquistato la prima vittoria esterna andando ad espugnare il campo del Brienza ed acuendo la crisi, di risultati, dei burgentini. Giustiziere dei burgentini Massimo Pietrafesa, che con due perle ha regalato ai suoi un successo pesante. La squadra di mister Gerardi, un punto nelle ultime tre gare, resta a contatto con il quinto posto. In chiave salvezza pesante e preziosa anche la vittoria del Miglionico a danno del Paternicum con Dilerma e Dobrozi che hanno ribaltato la rete di Russo. I miglionichesi hanno, con questo successo, scavalcato in classifica proprio i valligiani e sono usciti dalla zona play out. Si allontana dalla stessa zona l’Oraziana Venosa, che grazie ad una rete di Larotonda ha battuto l’Avigliano.
L’equilibrio che regna è dato anche dal fatto che sono in aumento i pareggi, difatti nel girone di ritorno sono già 10 le gare terminate in parità e con tre nel turno appena andato in archivio. Sono in tutto 32 le gare terminate in parità, 19 per 1-1, 8 a reti bianche, 4 per due a due e un 3 a 3. Il Candida Melfi a Calvello ha collezionato l’ottavo pareggio della stagione di cui sei per 1-1. L’Anzi invece ha sempre pareggiato con lo stesso risultato (0-0).
Stabilito un nuovo record negativo di marcature, “peggiorato” quello di sette giorni fa (13) con gli attaccanti a segno solo 12 volte. Sale a quota 382 il bottino stagionale con gli attaccanti di Ferrandina e Rotunda (38) azionisti di maggioranza.
Sempre a segno, negli ultimi 15 turni, il Rotunda Maris, ma bene anche gli attaccanti del Fortuna, sempre a segno negli ultimi 13 turni. I potentini però, almeno un gol lo subiscono sempre dall’inizio della stagione anche se la difesa più battuta è quella del Ruoti (64). Ruotesi in “debito di ossigeno” anche sul fronte opposto, difatti di reti ne hanno realizzate solo 10, mentre la difesa meno battuta è quella del Ferrandina (14).
Dametti è andato a segno per la diciottesima volta in questa stagione, De Lorenzo, che ha fallito un calcio di rigore, è stato agganciato a quota 15 da Tomaselli.