Eccellenza, il commento

Eccellenza, la 5a giornata

Share this post

Neanche al terzo tentativo il Grumentum riesce ad “espugnare” il Cupolo. Il campo di Villa D’Agri, almeno in campionato, sembra essere stregato per la squadra di mister Volini e dopo Vultur e Real Senise, anche il Melfi torna a casa con il bottino pieno. Federiciani che, alla luce degli altri risultati, si isolano in vetta alla classifica della massima serie lucana. I valligiani, che erano anche passati in vantaggio (A. Mastroberti), non sono riusciti poi a portare a termine la missione. Per i gialloverdi è salito in cattedra Saurino, che dopo aver ristabilito la parità prima del riposo, nella ripresa, prima con una prodezza balista, ha poi chiuso definitivamente i conti realizzando la seconda tripletta stagionale. Federiciani quindi imbattuti e forse punizione eccessiva per i valdagrini che dovranno correre ai ripari il prima possibile.
Grazie alla quarta vittoria di fila il Real Senise targato De Pascale sale al secondo posto. I sinnici, doppietta di Picaro, rigore di Lavecchia e Di Nella, hanno espugnato il difficile campo del Pomarico, che a Salandra ha incassato la seconda sconfitta interna consecutiva. I bianco neri hanno così scavalcato in classifica il Real Tolve, caduto sul campo del Lavello.
A Venosa, visto che si affrontavano la terza e la prima della classe (squadre divise da due punti in classifica) si gioca una delle gare di cartello della quinta giornata. Gara che si è messa subito sui binari giusti per i dauni grazie alla rete di Gerardi dopo appena 5 minuti. Per i giallo rossi strada in salito a seguito dell’espulsione di Pentangelo poco prima del raddoppio, sempre firmato Gerardi. Difficile giocare, contro questo Lavello, sotto di due reti e con un uomo in meno. Difrancesco poi chiude definitivamente i conti intorno alla mezz’ora della ripresa. Anche i dauni restano imbattuti in questo avvio di stagione.
La classifica si è leggermente accorciata e con le vittorie ottenute, salgono in zona play off Ferrandina e Policoro. Il colpaccio lo ha messo a segno la formazione jonica, che in rimonta ha espugnato il “Corona”. Troppi forse gli errori commessi dalla formazione di mister Natale che si è fatta sempre raggiungere per poi subire il colpo del KO a 10’ dalla fine. Casale azzera il vantaggio di Lorusso, Garcia quello di Di Tolve e poi nella ripresa Gomez condanna i bianco neri alla seconda sconfitta di fila.
Stessi punti del Policoro per il Ferrandina, che con il più classico dei risultati ha espugnato il campo del Latronico, sempre più ultimo in classifica. Musillo nel primo tempo e Kebbeh nella ripresa condannano i termali alla quinta sconfitta consecutiva. Gli aragonesi, imbattuti, portano a 450’ l’imbattibilità della propria porta.
In rimonta è tornato al successo pieno il Real Metapontino, che sul campo “amico” ha battuto il Ripacandida. Lomaestro illude i vulturini, poi il risultato si ribalta grazie ad una sfortunata autorete, a Nicolao e Bruno.
Punto prezioso per la Murese a Montescaglioso, gara terminata a reti inviolate, e boccone amaro per l’Avigliano, che quando stava pregustando il primo successo stagionale (vantaggio firmato da Telesca), allo scadere Bruno ha gelato i granata. Per il Moliterno un punto abbastanza importante.

Numericamente parlando la giornata è stata abbastanza interessante visto che di reti ne sono state realizzate 24 e con il bottino stagionale che sale a quota 117 dove gli attaccanti del Melfi e del Real Senise (13) fanno la parte del leone.
Asfittico resta l’attacco del Latronico, che ha solo una rete all’attivo. La peggior difesa è quella dell’Avigliano (13) mentre la migliore, come già detto, è quella del Ferrandina che di reti non ne ha subite.
Grazie alla seconda tripletta stagionale, Saurino sale in vetta alla classifica dei marcatori lucani, l’attaccante federiciano ha gli stessi gol di Lavecchia (6).