Promozione, il commento

Promozione, la 6a giornata

Share this post

Alla luce dei risultati della sesta giornata, la classifica della Promozione lucana si è leggermente allungata, perché se alla vigilia c’erano sei squadre nello stretto giro di un punto, oggi nello stesso range ne sono rimaste solo tre. Questo perché la giornata proponeva diverse gare di cartello e tutte si sono concluse con delle vittorie.
La classifica la guida sempre l’Atletico Lauria, che grazie alla rete di Antonio Olivieri ha espugnato il “Mancinelli” di Tito ed al termine di una partita che è sembrata molto equilibrata. L’equilibrio resta l’ingrediente principale anche di questa edizione della Promozione e sull’andamento della gara pesa, come un macigno, l’errore dal dischetto del titese D’Andrea, che poteva dare un senso diverso alla gara, ma anche alla classifica stessa. Ciò significa che i ragazzi di mister Pappalardo non hanno affatto demeritato ed hanno tutte le carte in regola per dire la propria nel prosieguo del campionato.
Cade anche il Castelluccio sul campo amico e cade al cospetto di un Brienza che ha saputo reagire alla grande al vantaggio iniziale siglato da B. Altieri (rigore). Campisano, dopo aver pareggiato i conti due volte, Sarro aveva realizzato il nuovo vantaggio, ha poi trovato la zampata vincente per mettere la parola fine su un’altra gara tanto bella quanto avvincente. Per il bomber burgentino primo gol stagionali in campionato e pallone portato a casa.
L’altra gara di cartello era quella del “Taddei” di Paterno, dove l’Oraziana Venosa era chiamata a dimostrare di non soffrire il mal di trasferta. Gli oraziani sono stati “rimandati” ad un altro esame, perché quello valligiano non è stato superato. Difatti è arrivata la seconda sconfitta consecutiva lontano dal “Lorusso”. Con un rigore di Notarfrancesco il Paternicum incanala la gara sui binari giusti, Petrocelli la mette in cassaforte e Falvella, nella ripresa scrive poi la parola fine. Il venosa scivola al quarto posto in classifica, mentre il Paternicum resta nella scia del Lauria.
Dopo quasi un mese è tornato al successo pieno la Virtus Bella (Paterna) e per la formazione bellese la vittoria contro il Miglionico, che resta fanalino di coda in condominio e senza vittorie, è pesante. I ragazzi di mister Laurenzana si sono portati a ridosso della zona play off.
Rallentano la corsa R.A.F. Vejanum ed Anzi, al confronto diretto, con gli ospiti che quando stavano pregustando la vittoria, si sono visti agganciare. Difatti non sono bastate le reti di Martinelli e Nardozza ai ragazzi di mister Santagata per gioire, perché Innocenti, in splendida forma, con una doppietta ha evitato la sconfitta interna. Le due squadre sono state agganciate in classifica dall’Oppido, che con le reti di Cilla e Paolucci ha battuto il San Cataldo. Per la squadra di mister Sabato un altro boccone amaro e la casella vittorie resta ancora a zero.
Pari e patta anche tra il Possidente e la Santarcangiolese, con Cascini che ha risposto a D. Romaniello.
La classifica alla fine sembra essere ancora troppo corta per avere un quadro più chiaro di chi concorrerà per cosa, certo è che le prime tre sembrano destinate a disputare un torneo diverso, ma con l’equilibrio che regna tutto può ancora succedere.
Polveri un po’ bagnate per i bomber della categoria, difatti sono state messe a segno solo 18 reti che portano a quota 109 il bottino stagionale dove gli attaccanti del Lauria e del Brienza (14) fanno un po’ la parte del leone. Quello di Podano resta ancora ‘unica rete messa a segno dal San Cataldo. La capolista vanta anche la miglior difesa della categoria (3) che si contrappone a quella della R.A.F. Vejanum che è sempre la peggiore (14).
La classifica dei marcatori è guidata oggi da Olivieri e Petrocelli (5), ma i due sono braccati da un gruppetto di cinque giocatori che inseguono ad una distanza.
Sono undici le gare terminate in parità, quattro sono terminate a reti bianche, tre 1 a 1 e quattro due a due.