Eccellenza, il commento

Eccellenza, la 17a giornata

Share this post

La seconda giornata del girone di ritorno, la prima del 2020, è andata in archivio senza particolari sussulti e la classifica non ha subito sostanziali mutamenti eccezion fatta per l’Atletico Lauria (28), che battendo il Melfi (30) ha ridotto le distanze dalla zona play off. In coda è rimasto tutto invariato perché tutte le squadre in lotta per la sopravvivenza sono state sconfitte.
Il Lavello (44) non ha avuto grosse difficoltà nel confermare la propria leadership in campionato e la pratica Pomarico (16) è stata archiviata senza particolari problemi. Marotta, Vincenzi e Roghi, con le loro reti, hanno messo in cassaforte i tre punti già allo scadere della prima frazione di gioco. Punteggio arrotondato poi dal capo cannoniere dell’Eccellenza nei minuti finali. Operazione “riscatto” riuscita per i dauni dopo la sconfitta subita in Coppa per mano della Vultur.
Tiene il passo la vicecapolista Rotonda (42), che al “Vulcano” ha battuto con lo stesso punteggio il Moliterno (16). Esordio positivo quindi sulla panchina dei “Lupi del Pollino” per mister Pascuzzo, marcature aperte da Crispino e chiuse da Flores, nel mezzo la doppietta di Fioretti.
Quarto successo consecutivo per la Vultur (40) e bronzo blindato. Qualcuno poteva pensare che il successo in Coppa avrebbe appagato Salvia e compagni, così non è stato perché i bianco neri, passati in vantaggio con Petagine, dopo aver subito il pari (Colley), hanno mostrato di avere ancora tanta fame. Scavone, con la sua doppietta, ha lasciato poco spazio al Policoro (27) che ha subito la terza sconfitta consecutiva.
Con una doppietta di Campisano, il Brienza (36) è passato a Latronico (4) ed ha aumentato il vantaggio che aveva sul Melfi caduto al “Mignone”. Importante la reazione che ha avuto l’Atletico Lauria, perché sotto di una rete (Battilana) ha ribaltato la situazione grazie alle reti di Cosentino (doppietta) e Pasqua, con quest’ultimo che ha realizzato la rete del vantaggio.
Alla zona play off si avvicinano a grandi falcate il Ripacandida (26), il Castelluccio (24) e il Montescaglioso (23), ma si potrebbe anche dire che si sono allontanate dalla zona play out.
Il Ripacandida, nove punti nelle ultime tre gare, ha espugnato in rimonta il “San Rocco”. Il Real Tolve (10), al quinto stop di fila, si era portato in vantaggio con Spinelli, ma la gioia è durata poco meno di una decina di minuti, difatti il vantaggio giallo rosso è stato azzerato da Maiorino. Nella ripresa i ragazzi di mister Cassese passano in vantaggio con Haruna, Pietragalla e Onorati scrino la parola fine e Grieco, con la sua seconda doppietta stagionale, fissa il definitivo 6 a 1.
Vittoria in trasferta anche per il Castelluccio, al “Rossi” sono andati a segno Lavecchia e Garcia, mentre per il Real Senise (3) aveva temporaneamente pareggiato i conti Ciuffo. Per i sinnici, alla decima sconfitta consecutiva, resta un tabù la vittoria.
Cifarelli e Ciracì hanno invece permesso al Montescaglioso di battere il Ferrandina (14) che era tornato in partita con Dametti, ma i montesi sono riusciti poi a portare a termine la missione.

Nella seconda di ritorno non è stato registrato alcun pareggio e, rispetto allo stesso turno dell’andata, è stata segnata una rete in meno. Con i 31 gol messi a segno, il bottino stagionale è salito a quota 450, 70 in più rispetto alla passata edizione.
Il Lavello vanta sempre il miglior attacco (50) mentre il Latronico è la squadra che ha segnato meno reti (10). I dauni vantano anche la miglior difesa della categoria avendo subito solo 9 reti, peggior difesa quella dei termali, che ne hanno subite 56.
Gerardi ha consolidato il primato nella speciale classifica riservata ai cannonieri realizzando la diciottesima rete stagionale, mentre Scavone, alla seconda doppietta consecutiva (12), si è avvicinato a Verilli (14). Fermi a quota 11 Nardozza e Serritella, quest’ultimo oramai non gioca più in Basilicata, salgono a 10 Dametti, Grieco e Lavecchia.





La foto è tratta dal profilo Facebook dell'Usd Lavello